Skip to content

“Goodwill Hands”: accogliere i lebbrosi

EMERGENZA
"Goodwill Hands": accogliere i lebbrosi

Goodwill Hands è un'organizzazione che accoglie i ex-lebbrosi e le loro famiglie. Ogni anno ci prendiamo cura di circa 50 ex-lebbrosi e dei loro figli nelle necessità più urgenti: cibo, abbigliamento, materiale scolastico, ecc. Si trova nella città di Chennai, Stato di Tamil Nadu.

Prueba de integración de flujo embebido

La lebbra...questo male ancora non sconfitto

La lebbra in India non è stata sconfitta. Le cause principali della malattia sono da ricondurre alla povertà, l’assenza di servizi sanitari, d’igiene e di alimentazione. Altro aspetto importante va combattuto il pregiudizio sulla lebbra e sul lebbroso. Si può guarire dalla lebbra ma la persona porta i segni della malattia e quindi delle  disabilità, a volte impressionanti (deformazione o perdita degli arti), e per questo motivo che arriva il rifiuto della famiglia e del villaggio di origine a riaccettare gli ex malati. Sono che persone, che purtroppo, sono destinate a un futuro incerto, perché le deformità che la malattia lascia dietro di sé li rendono inabili al lavoro e quindi ad una vita solitaria perché abbandonate da tutti.
Goodwill Hands  accoglie le famiglie di ex lebbrosi. La nostra attenzione è focalizzata all’educazione dei bambini di queste sfortunate persone. Per educare i bambini di queste persone Goodwill Hands organizza: corsi pomeridiani di dopo scuola, Classi speciali, Classi di computer, fornisce materiali educativi come zaini, quaderni,  uniformi, e altri materiali di scrittura e assistenza ai bambini dei nostri beneficiari oltre a pagare le tasse scolastiche/ universitarie con il sostegno degli sponsor come VIDA. 

Il nostro sostengo a questo centro, che opera con grande diligenza affrontando uno dei tanti problemi che affliggono  l’India e che spesso sono sottovalutati, ha un costo annuale di € 1.000,00.  Questi bambino meritano la possibilità di poter studiare e riscattarsi nei confronti di li etichetta come “figlio di lebbroso” e quindi anche lui scarto della società.