Skip to content

Un altro passo avanti nella lotta contro la povertà.

V.I.D.A. Onlus la scorsa settimana, grazie all’aiuto e al sostegno di voi donatori, è riuscita a mandare un’altra tranche di finanziamenti a diversi centri, in tre diversi stati dell’India.

Sono stati inviati € 4.000,00 al centro di Antyodaya Niketan di Delhi, che accoglie malati e abbandonati. Tra i suoi ospiti, ci sono inoltre 40 bambini, alcuni ciechi. I fondi inviati serviranno principalmente alla formazione di alcuni operatori che si dedicano alla cura e alla gestione del centro. Questi operatori inoltre in futuro saranno in grado di aprire altri centri come quello di Antyodaya Niketan, ed essere cosi d’aiuto ad altre persone in altre zone di Delhi e del nord dell’India.

Abbiamo inviato anche altri € 1.500,00 al centro di Nirmal Niketan, che in italiano sarebbe il ritrovo della purezza, un centro che ormai conosciamo bene, nel quale quest’estate i nostri volontari hanno dato una mano come animatori dei piccoli ospiti. Sì perché il centro accoglie più di 20 bambini e bambine con difficoltà motorie e mentali, tra cui ci sono anche ciechi e sordi e alcuni di loro non riescono nemmeno a parlare. Nirmal Niketan è anche una scuola per la riabilitazione e l’insegnamento per questi bambini e per quelli di famiglie poverissime della periferia di Calcutta, nel West Bengala.

Inoltre sono stati inviati altri aiuti economici anche nel sud dell’India per finanziare due bellissimi progetti, che hanno come destinatari sempre i più deboli, i dimenticati. I primi € 1.500,00 sono stati inviati per il progetto We Care Center, che ha come obiettivo primario il miglioramento delle condizioni fisiche e sociali dei bambini diversamente abili attraverso l’assistenza medica, l’educazione e i beni di prima necessità. Durante lo scorso trimestre i beneficiari di questo progetto sono stati 102 bambini disabili, tutti della zona di Kanjirapally, nello stato del Kerala.

L’altro progetto è il Bethlehem Ashram, un luogo di accoglienza per più di 60 bambine abbandonate. Anche qui è stata inviata una quota pari € 1.500,00, che servirà per la costruzione di nuove strutture residenziali, in modo tale da migliorare le condizioni delle ospiti, in particolare stiamo aiutando a costruire un dormitorio, una sala studio e nove bagni.

Tutto questo è possibile grazie alla generosità di voi sostenitori. Siamo consapevoli del grave periodo storico che stiamo vivendo, soprattutto per la crisi economica, che è anche crisi dei valori, ma vi chiediamo di continuare ad appoggiarci, perché da voi dipendono questi bambini e queste persone che molto più di noi sono in difficoltà e che grazie al nostro piccolo gesto, possono tirare avanti e sopravvivere, si perché per loro si tratta di sopravvivere. Non possiamo rimanere indifferenti di fronte alle loro miserie, alla povertà, alla loro fame.