Relazione delle attivitá dell’associazione ong V.I.D.A. Onlus – anno 2015

Condividi!

1. Introduzione

Identità e missione

L’associazione V.I.D.A. (Volunteers for International Development Associated) è un’organizzazione non governativa (ONG) e non profit (ONLUS), creata da privati cittadini e quindi indipendente da governi e che non persegue scopi di lucro costituita in conformità agli artt. 36 e seguenti del Codice Civile, alla Legge Quadro sul Volontariato n. 266/91 e alle Leggi Regionali n. 9/93 e n. 18/96. Con protocollo n. 2011/25324 dell’Agenzia delle Entrate, V.I.D.A. è riconosciuta ONLUS in base alla art. 10 del Decreto Legislativo 4 dicembre 1997 n. 460.Gli ambiti d’intervento sono la cooperazione allo sviluppo mirato soprattutto a dare un contributo concreto e rilevante alla soluzione dei problemi dell’India investendo nelle risorse umane per garantire loro uno sviluppo economico, sociale e culturale, intervenendo negli ambiti dell’accoglienza, della salute, dell’alimentazione, dell’educazione e delle infrastrutture. I beneficiari sono bambini, bambine o giovani in stato di orfanità, abbandono, esclusione sociale o estrema povertà così come anziani, malati, lebbrosi, disabili e donne. L’associazione V.I.D.A. svolge la propria attività in cinque Stati dell’India, nel West Bengala, Madhya Pradesh, Kerala, Tamil Nadu e nel distretto di Delhi tramite 31 centri e progetti solidali. L’associazione V.I.D.A. ha aderito alla famiglia internazionale della VIS Foundation l’anno 2014.

01

I nostri valori

V.I.D.A. si riconosce nei seguenti valori:

  1. Trasparenza: siamo personalmente responsabili dell’utilizzo delle risorse e adottiamo il più elevato livello di trasparenza nei confronti dei donatori, dei partner e delle persone che aiutiamo. V.I.D.A. adotta un approccio che si fonda sulla Convenzione ONU sui Diritti dell’Uomo e sui Diritti dell’Infanzia e dell’Adolescenza per gestire, realizzare e valutare tutti i programmi.
  2. Ambizione: essere esigenti con noi stessi e con chi collabora, è ciò che ci caratterizza. Anche i nostri obiettivi sono ambiziosi e crescono ogni anno.
  3. Collaborazione e lavoro di squadra: grazie al rispetto reciproco e all’unione delle nostre forze, insieme ai nostri partner locali, portiamo avanti i nostri progetti per migliorare la vita delle persone più bisognose.
  4. Integrità: operiamo al massimo livello di onestà morale nel superiore interesse del prossimo, secondo i principi cristiani di solidarietà, sussidiarietà e bene comune. Grande ispiratrice della nostra associazione è la figura di Madre Teresa di Calcutta.

 

Il nostro impegno

Come espressamente dichiarato nell’Atto Costitutivo, V.I.D.A. si propone di operare, senza fini di lucro e ispirandosi ai principi e agli insegnamenti della Dottrina Sociale della Chiesa Cattolica, per:

  1. Cooperare allo sviluppo dei paesi più poveri e meno industrializzati;
  2. Sostenere la realizzazione di progetti plurisettoriali nei paesi in via di sviluppo; principalmente a favore dell’infanzia abbandonata e dei minori “a rischio”;
  3. Svolgere attività di studio, ricerca, informazione, sensibilizzazione ed educazione sui problemi dello sviluppo;
  4. Organizzare e gestire corsi di formazione, selezione e impiego, di personale volontario da inviare nei paesi in via di sviluppo o in stato di necessità e per persone provenienti da questi paesi;
  5. Organizzare e gestire, sia in autonomamente sia in collaborazione con altri Enti pubblici o privati, interventi specifici di promozione e sviluppo umano, sociale, economico e culturale in area di sottosviluppo;
  6. Tutelare i diritti fondamentali dell’infanzia e dei minori nel mondo, migliorando le loro condizioni di vita, non solo provvedendo a bisogni fondamentali quali cibi ed assistenza sanitaria, ma anche focalizzando il proprio impegno sull’istruzione e sulla crescita in un ambiente sano;
  7. Organizzare e sostenere iniziative si adozioni morali a distanza;
  8. Promuovere la conoscenza, in Italia e all’estero, delle culture e dei problemi dei paesi in via di sviluppo e sensibilizzare l’opinione pubblica su questi temi, anche attraverso la promozione e la realizzazione di attività finalizzate alla raccolta fondi;
  9. Promuovere la partecipazione ai suoi progetti di un gran numero di persone, anche attraverso la costituzione di gruppi locali, secondo le modalità stabilite dallo Statuto;
  10. Realizzare ogni altra iniziativa e svolgere ogni operazione utile che tenda a conseguire le finalità statuarie, con divieto espresso di svolgere attività diverse da quelle citate se non direttamente connesse.

04

I nostri settori d’intervento

L’associazione V.I.D.A. sta utilizzando un approccio di lavoro che consente di garantire risultati per far fronte al problema della povertà cercando di essere, il più possibile, innovativi nella ricerca di nuove soluzioni. V.I.D.A. dalla sua nascita si è impegnata per migliorare le condizioni di vita dei più deboli e poveri dell’India, e sta attuando questo suo intento attraverso 10 settori d’intervento:

  1. amare, dare dignità e aiutare i disabili;
  2. accogliere, confortare, guarire i malati, lebbrosi e moribondi;
  3. sostegno all’infanzia abbandonata;
  4. educazione e lotta contro l’analfabetismo tramite borse di studio;
  5. proteggere le bambine dalla violenza, dalla prostituzione e da ogni tipo di sfruttamento;
  6. difesa e protezione della donna, specialmente della più abbandonata e debole;
  7. assicurare medicine e assistenza medica per tutti;
  8. potenziare la formazione professionale per eliminare la disoccupazione e la delinquenza;
  9. costruire e dare manutenzione a strutture destinate ad accogliere gli ultimi;
  10. accogliere e offrire tutte le cure e attenzione necessaria agli anziani abbandonati.

03

2. Raccolta Fondi

  • V.I.D.A. si finanzia principalmente attraverso le donazioni di privati cittadini, e di alcune, ancora se poche, aziende e istituzioni. Scopo delle donazioni è lo sviluppo e il sostegno alle attività che svolgiamo in India per migliorare le condizioni di vita.
  • Tenendo conto dei risultati del 2015 si evince che il totale delle entrate ammonta a € 66.069,56 (somma delle donazioni e giroconti) che è leggermente superiore all’anno scorso (€ 53.988,64); bisogna, inoltre evidenziare che durante il 2014 abbiamo ricevuto insieme due anni di ricavati del 5×1000 (quello del 2011 -€ 6.635.68- e quello del 2012 -€ 7.436,21-) mentre quest’anno abbiamo ricevuto quello del 2013.
  • La sintesi dei ricavati è questa:
    • € 2.201,88 come avanzo del bilancio 2014;
    • € 49.117,61 di raccolti durante il 2015.
    • La voce degli ingressi, tutte superiore a quelle dell’anno precedente (tranne il corrispondente al 5×1000 come poc’anzi accennato), sono:
      • Adozione a distanza: € 5.650,00;
      • 5×1000: € 9,485,02;
      • Soci-sostenitori: € 1.348,00;
      • Donatori occasionali: € 3.177,01;
      • Fondazioni e simili: € 7.202,58;
      • Raccolta fondi ed eventi: € 16.935,00;
      • Altre donazioni: € 5.320,00;
      • Giroconti (integrazione di cassa): € 16.951,95.
  • La maggior parte del fundraising, come si evince, è frutto di diverse attività organizzate dai nostri volontari e amici. Questo tipo d’iniziative, oltre alla raccolta dei fondi, offre anche la possibilità di promuovere l’organizzazione. Quasi tutti i fondi provengono dalla Sicilia.

05

3. Programmi e donazioni

I fondi raccolti durante il 2015 sono stati destinati per la maggior parte ai programmi di contributi e finanziamenti ai centri e ai progetti di sviluppo in India e una minima percentuale al sostegno delle attività di supporto generale, raccolta fondi e spese postali e/o bancarie. Nel 2015 abbiamo destinato ai centri un totale di € 46.610,00, quasi un 20% in più rispetto all’anno precedente. Solo € 1.080,75 sono stati spesi in ambito amministrativo; € 2.933,54 sono stati destinati alle missioni umanitarie a Calcutta; con un avanzo di fine gestione di € 3.095,20.

Il 2015 ci ha visto attivi in modo cospicuo nel finanziamento dei vari progetti designati dal nostro direttivo, aumentando anche il numero di centri aiutati: nel 2012 avevamo offerto il nostro aiuto a 19 centri, nel 2013 abbiamo aiutato 28 centri o progetti, nel 2014 sono stati 30 e nel 2015 sono stati 31 centri o progetti.

06

Centri o progetti sostenuti nel 2015

I centri o progetti finanziati con le raccolte fondi sono trentuno e hanno lo scopo di migliorare le condizioni di vita dei beneficiari, sempre in un’ottica di uno sviluppo a lungo raggio e con l’obiettivo di gettare le basi di uno sviluppo solido e autonomo.
I centri o progetti sostenuti durante il 2015 sono i seguenti:

  1. Centro di “Nabo Jibon”. Situato alla periferia nord di Calcutta, questo centro ospita un centinaio di persone diversamente abili tra i quali una ventina di adolescenti. Quest’anno V.I.D.A. ha contribuito con una donazione in contanti di € 400,00 che sono serviti per l’acquisto di beni alimentari e altre necessità materiali per la gestione del centro.
  2. Centro “Nimtalla Daya Dan”. Centro situato nella città di Calcutta che ospita esclusivamente bambini e bambine diversamente abili o con gravi problemi psichici e fisici. Al centro è stato dato € 400,00 in contanti.
  3. Centro “Prem Dan”. Situato nelle vicinanze di una delle più grandi stazioni ferroviarie della città di Calcutta (Park Circus) dove arrivano i poveri dalle zone periferiche. Il centro è uno dei più grandi che seguiamo e dove trovano rifugio alcuni moribondi ma soprattutto persone diversamente abili sia fisici sia psichici. V.I.D.A. ha contribuito con € 400,00 in contanti.
  4. Centro “Gandhiji Prem Nivas Leprosy Centre”. Ospita persone che hanno contratto la lebbra e quelli guariti da questa malattia. Sono circa 700/750 persone ubicati in un centro molto vasto dove tutti svolgono una mansione diversa, ovviamente riferito a quelle persone guarite. Il centro lavora in modo artigianale la filatura e la tessitura d’indumenti, alleva bovini, ovini e pollame, possiede un laghetto artificiale per l’allevamento del pesce oltre alla coltivazione di ortaggi e frutta. Al centro, V.I.D.A. ha donato € 400,00 in contanti. È gestito dai Missionaries of Charity.
  5. Centro “Mother Teresa’s Home for the Dying Destitute”, conosciuto come Kaligath. Centro che ospita i moribondi che vengono raccolti per le strade di Calcutta. V.I.D.A. ha contributo con € 400,00 in contanti, per aiutarli nelle spese di gestione annuali.
  6. Centro “Nirmal Hriday” nella città di Baruipur, nella periferia di Calcutta, che accoglie circa 80 anziani con diverse malattie: cancro, malaria, tubercolosi ed è gestito dalle Missionarie della Carità. Al centro, V.I.D.A. ha donato € 400,00 in contanti.
  7. Shishu Bavan, gestito dalla Missionarie della Carità che, oltre ad accogliere neonati abbandonati, aiuta le persone del quartiere in cui si trova, nel cuore di Calcutta, offrendo loro cure e medicine. È stata donata loro la somma di € 400,00.
  8. Nirmala Bhanvan: nel cuore della città di Calcutta accoglie e assiste una 30 di bambini in stato di abbandono. Abbiamo dato loro € 400,00.I centri su menzionati sono stati fondati da Madre Teresa e vengono gestiti dalle Suore Missionarie della Carità e dai Fratelli Missionari della Carità. In questi centri, i gruppi di volontari che hanno partecipato alla diverse missioni di V.I.D.A. hanno contribuito nei lavori giornalieri di pulizia, lavanderia, cura delle persone ospitate e distribuzione dei pasti. Due centri che da anni sosteniamo a Delhi sono:
  9. Centro di “Antyodaya Niketan”. Questo centro si trova a New Delhi nei pressi del Kashmere Gate. Il centro è gestito da P. Ravindrajain, fondatore della congregazione dei Missionari Compassionevoli. Il centro accoglie anziani, adolescenti e famiglie oltre ad aiutare i poveri della zona. Al centro è stato dato un contributo di € 2.500,00 con bonifico per la formazione dei dirigenti e per i fabbisogni dell’ente.
  10. Progetto di prima accoglienza e pronto soccorso, gestito dai Compassionate Missionaries, ubicato in uno dei quartieri più affollati e degradati di Delhi. V.I.D.A. ha donato € 500,00 con bonifico per aiutare nell’acquisto del materiale utile e necessario per offrire le cure mediche.
    Sempre nella metropoli di Delhi, V.I.D.A. ha una partnership ormai consolidata con Chetanalaya, che è un’organizzazione non governativa della diocesi di Delhi. In particolare:
  11. V.I.D.A. porta avanti da anni un bel progetto in uno slum poverissimo della periferia di Delhi, nelle discariche d’immondizia: la costruzione del Narela Educational Center. Il centro accoglie e forma i bambini e i ragazzi, avvicinandoli al mondo dell’istruzione (tramite la “No Formal Education”) e a viverlo appieno. Grazie a dei programmi specifici, si lotta efficacemente contro l’abbandono scolastico. Anche le loro mamme ricevono formazione nel centro. L’associazione V.I.D.A. ha contribuito con un bonifico di € 4.000,00.
  12. Alan de Lastic: orfanotrofio della periferia di Delhi, nel distretto di Gurgaon. Questo è un progetto nuovo orientato a coprire le necessità primarie (accoglienza, alimentazione e scolarizzazione) di 28 bambini del centro, principalmente donne. Abbiamo donato, con bonifico, € 2.000,00.Ormai sono molti anni che la nostra partnership con i “Missionaries of the Word” da frutti consistenti in ordine ai nostri scopi Statutari. Perciò abbiamo proseguito il nostro impegno in questi centri:
  13. Centro di “Nalanda Vidya Peeth” Il centro ospita bambini orfani della zona in regime residenziale. I bambini frequentano una scuola situato all’interno del centro, fondato dal br. Xavier dei Missionaries of the Word. La scuola è frequentata anche dai bambini poveri della zona. Il Fr. Xavier si avvale della collaborazione di docenti, educatori e psicologi per la formazione socio-educativa degli ospiti. Al centro è stato bonificato la somma di € 250,00.
  14. Centro “New life & New Hope little girls”. Il centro ospita bambine abbandonate o in stato di estrema povertà. Il br. Xavier dei Missionaries of the Word garantisce il vitto, alloggio ed istruzione alle piccole ospiti. Al centro è stato bonificato la somma di € 2.000,00 tramite il progetto “Adozioni a distanza”.
  15. Centro “Bagan Para Giri”. Il centro è simile al precedente solo che ospita le ragazze adolescenti offrendo lo stesso servizio. Al centro è stato bonificato la somma di € 250,00. È gestito dai Missionaries of the Word.
  16. Centro “Saint Teresa’s Vocational Training Center” dei Missionaries of the Word. Lo scopo del centro è quello di fornire ai giovani, che hanno finito il percorso obbligatorio di studio, la possibilità di imparare una professione per facilitare in questo modo l’inserimento nel contesto sociale. Al centro è stato bonificato la somma di € 250,00.
  17. Centro “Apna Vari”, un centro nato durante il 2013 che accoglie i più piccoli del quartiere, di famiglie povere e cosi da iniziare già in tenera età (3-4 anni) un percorso di formazione e scolarizzazione. Al centro abbiamo bonificato la somma di € 250,00. È gestito dai Missionaries of the Word.
  18. Centro “Nirmal Niketan” gestito dai Missionaries of the Word. Il centro, finanziato esclusivamente da V.I.D.A., ospita 46 bambini diversamente abili e non vedenti garantendo vitto, alloggio, istruzione e formazione professionale. Al centro è stato donato la somma di € 6.200,00, di cui € 2.000,00 per il pozzo d’acqua (con bonifico), € 4.000,00 bonificati tramite il progetto di “Adozioni a distanza” (alcuni sono stati adottati dai nostri benefattori e altri direttamente dalla nostra associazione), € 200,00 (donati in contante) per la gita organizzata durante le missioni umanitarie estive e per una sedia a rotelle e altri materiali didattici.07
    Si rafforza anche la nostra partnership con questa ONG indiana che è impegnata in due zone geografiche diverse dell’India:
  19. “Karuna Nava Jeena”: aiutiamo provvedendo ai fabbisogni di questo centro che si trova a Jabalpur, nello Stato di Madya Pradesh. È gestito dall’ONG Shishu Sangopan Gruha e ospita ragazzi orfani con disabilità fisiche e mentali. Al centro per il finanziamento del progetto è stata bonificata la somma di € 1.500,00.
  20. Anche l’ONG Shishu Sangopan Gruha gestisce una casa famiglia che ospita una cinquantina di bambini e bambine degli ambienti più degradati e ostili della città di Delhi. Per il primo anno sono stati inviati, tramite bonifico, € 2.000,00.A Delhi, capitale del paese asiatico, prosegue il nostro sostengo alle suore della congregazione “Holy Family” che gestiscono i seguenti centri:
  21. La casa di “Najafgarh” che accoglie, dando vitto, alloggio e istruzione, a 50 bambine, al quale V.I.D.A. ha donato la somma, tramite bonifico, di € 3.000,00 per i fabbisogni più urgenti.
  22. La casa di “Mahvir” che ospita 35 bambine di un’altra zona di Delhi, alla quale è stata bonificata la somma di € 3.000,00 per completare i lavori di pitturazione e ristrutturazione di un’ala dell’edificio.Si è dimostrata anche molto feconda la collaborazione con la diocesi siro-malabar di Kanjorappally, nello Stato del Kerala. Concretamente sosteniamo tre opere:
  23. “We Care Center”, un progetto che aiuta circa 100 bambini disabili attraverso finanziamenti mensili. È un progetto gestito dalla diocesi di Kanjirappally, in Kerala. Al quale abbiamo bonificato la somma di € 2.000,00.
  24. Bethlehem Ashram, un centro che ospita 60 bambine e con il nostro aiuto abbiamo contribuito alla costruzione di alcune strutture residenziali. Anch’esso è gestito dalla diocesi di Kanjirappally. Il contributo è stato di € 2.000,00.
  25. Nalla Samarayan Ashram, che ospita 131 donne anziane, con difficoltà mentali e abbandonate. Con il nostro bonifico di € 500,00 abbiamo aiutato nelle spese della gestione annuale del centro. È gestito dalla diocesi di Kanjirappally.Dopo alcuni anni di collaborazione con la “Fundación Colores de Calcuta”, il nostro appoggio a questi tre centri è sempre più convinta per la professionalità ed efficacia con la quale questa organizzazione spagnola gestisce e svolge la sua missione umanitaria:
  26. “Anand Bhavan”, che ospita 30 bambine orfane e abbandonate, al quale abbiamo bonificato € 400,00 per aiutare il centro nelle spese di gestione.
  27. Pilkhana, un dispensario medico che ha un’unità per l’alimentazione per i bambini da 0 a 2 anni. Al quale abbiamo bonificato € 400,00.
  28. Progetto di formazione professionale per la donna “Women Artisan Group”, grazie alla quale la donna può essere un mezzo di sostentamento per la propria famiglia e inoltre tramite questa formazione incentivare un processo di emancipazione della donna stessa, diventando sempre più autonoma. Al centro abbiamo donato, tramite bonifico, la quantità di € 400,00.Infine, altri due entità che sosteniamo sono:
  29. “St Vincent Pallotti School” in Indore, che ha un migliaio di studenti e abbiamo finanziato 10 borse di studio per una somma totale di € 2.500,00 (con bonifico). La scuola è gestita dai sacerdoti pallottini.
  30. “Goodwill Hands” di Chennai. È un lebbrosario gestito da questa ONG indiana nella capitale del Tamil Nadu. Abbiamo donato tramite bonifico € 800 per materiale scolastico e didattico affinché i figli dei lebbrosi possano frequentare la scuola. È il primo anno che aiutiamo questo centro.Per finire, da menzionare che abbiamo proseguito anche quest’anno con un interessante progetto di aiuto ai senzatetto di Calcutta creato dalla nostra associazione direttamente:
  31. “Hope for Homeless”. Ha come obiettivo la distribuzione di alimenti, verdure, vestiario e utensili per l’igiene personale per le famiglie che vivono e popolano le strade di Calcutta o gli slum più degradati. Quest’anno con un contributo di € 800,00, abbiamo aiutato circa 140 famiglie (quindi oltre 700 persone) di uno slum nella periferia più degradata di Calcutta.

Adozioni a distanza

Durante il 2015 questo è stato un canale importante di fundraising per V.I.D.A. contribuendo per più del 10% agli incassi dell’organizzazione. È un sistema che ci aiuta a sostenere due centri dei Missionaries of the Word a Calcutta: uno per bambine e il nostro Nirmal Niketan per giovani e bambini disabili.

02

4. Altre attività o iniziative

Comunicazione

Durante il 2015 è stato intensificato ulteriormente il lavoro di comunicazione, in particolare, sui social network: Facebook e Twitter. La gestione della pagina web in tre lingue è sempre più professionale e periodica, mantenendo aggiornati i sostenitori sulle varie attività e progetti che portiamo avanti. La comunicazione ha avuto anche un impulso grazie al calendario solidale del 2015, realizzato insieme alla VIS Foundation Onlus. Inoltre abbiamo proseguito il servizio di newsletter (tre volte durante l’anno), per informare i sostenitori sull’andamento della nostra associazione.

Missioni umanitarie

Anche quest’anno la nostra associazione ha organizzato le missioni umanitarie a Calcutta durante l’estate. Sono stati 15 i volontari (di nazionalità diverse) che si sono impegnati sia nei centri fondati da Madre Teresa sia nel “Nirmal Niketan” di Kabardanga.

Convenzioni con altri enti

Durante questo 2015 è stata sottoscritta una convenzione di collaborazione tra l’Highlands Institute di Roma e la nostra associazione VIDA. In questo modo, alcune classi della scuola romana s’impegnano ad adottare bambini a distanza in diverse parti dell’India tramite la nostra organizzazione.

 

Scrivi un commento